Gli “scontri” di Gaza spiegati ai duri